Essere Quotes

Authors: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Categories: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
gli-orchi-esistono-e-devono-essere-fermati-e-gli-orchi-si-fermano-solo-militarmente-e-senza-follie-di-odio-perche-gli-orchi-devono-essere-fermati-per-essere-salvati-perche-sono-f
essere-liberi-significa-essere-nelle-condizioni-daffrontare-gli-ostacoli-di-superarli-di-cadere-di-rialzarsi-liberte-non-significa-chiedere-allo-stato-di-rimuoverli-per-conto-nos
la-suprema-felicite-della-vita-e-essere-amati-per-quello-che-si-e-o-meglio-essere-amati-dispetto-di-quello-che-si-e-victor-hugo
per-non-essere-piugrave-soli
volevo-essere-piugrave-forte
cose-son-io-tutto-quanto-mi-offende-nel-mio-non-essere-roberto-r-corsi
il-pensiero-di-essere-considerato-da-tutti-unaltra-persona-lo-fece-sentire-disperatamente-solo-cecilia-randall
langelo-sa-di-essere-indistruttibile-paradossalmente-e-proprio-questa-sua-certezza-che-lo-rende-tale-alan-campbell
trova-il-tuo-stile-con-coraggio-perche-bisogna-essere-coraggiosi-quando-si-corre-da-soli-lucy-foley
forse-ogni-poeta-e-condannato-allinsoddisfazione-devessere-per-colpa-della-luce-che-li-abbaglia-niall-williams
la-sua-voce-profonda-risuonava-attraverso-il-mio-intero-essere-risvegliava-sentimenti-e-sensazioni-lasciate-in-sospeso-troppo-lungo-petra-march
ogni-giorno-e-un-buon-giorno-per-cominciare-ad-essere-un-super-eroe-paul-d-dramelay
no-mi-dicevo-non-pue-essere-bello-un-mondo-dove-le-paure-e-gli-entusiasmi-spaventano-i-pie-tesi-come-sono-al-risparmio-di-se-e-dei-propri-sentimenti-walter-bonatti
ma-al-di-sopra-di-tutto-ce-lamore-e-se-desideriamo-essere-pie-che-umani-e-quella-la-stella-che-dobbiamo-seguire-jacqueline-carey
il-tempo-addolcisce-i-ricordi-pie-amari-hanno-detto-in-tanti-io-continuo-ad-essere-convinto-che-non-stessero-ascoltando-sad-eyed-lady-lowlands-teresio-vola
la-realte-sfuma-e-tutto-diventa-memoria-perfino-tu-poco-poco-hai-cessato-di-essere-un-desiderio-e-sei-diventato-un-ricordo-alessandro-baricco
avevo-appena-scoperto-lorribile-notizia-che-ogni-essere-umano-scopre-un-giorno-o-laltro-quello-che-ami-tu-lo-perderai-amelie-nothomb
il-dio-aveva-la-facolte-di-essere-ovunque-e-da-nessuna-parte-contemporaneamente-linferno-era-diventato-nel-corso-del-millenni-unespansione-della-sua-stessa-anima-nera-yvan-argead
la-coscienza-e-la-scoperta-che-noi-non-siamo-siamo-un-divenire-ma-non-siamo-un-essere-carmelo-bene
se-dai-il-tuo-cuore-qualcuno-e-lui-muore-lo-porta-via-con-se-devi-passare-il-resto-della-vita-con-un-buco-dentro-che-non-pue-essere-riempito-jodi-picoult
e-poi-ci-sono-quelli-che-credono-che-le-vecchie-relazioni-possano-essere-rivissute-e-fatte-nuove-ma-perfavore-se-ti-senti-in-quel-modo-non-chiamare-non-scrivere-non-arrivare-char
lessere-umano-luomo-e-la-personoficazione-del-incoscienza-in-persona-chi-si-considera-uomo-si-considera-incosciente-al-100-cosmo-gandi
e-possibile-che-un-uomo-che-ha-paura-possa-anche-essere-coraggioso-possibile-bran-e-quella-lunica-situazione-in-cui-si-fa-strada-il-coraggio-george-rr-martin
non-sei-qui-per-contare-successi-e-insuccessi-sei-qui-per-amare-ed-essere-amato-matthew-thomas
non-e-bello-essere-bambini-e-bello-da-anziani-pensare-quando-eravamo-bambini-cesare-pavese
siate-sinceri-siate-sempre-sinceri-e-mostrate-francamente-al-mondo-se-non-proprio-il-vostro-lato-peggiore-almeno-qualche-aspetto-da-cui-possa-essere-noto-il-peggiore-male-che-e-i
faccio-solo-finta-di-essere-sfacciata-in-realte-me-la-faccio-addosso-dalla-paura-questa-cena-fuori-mi-rende-confusa-non-se-voglio-davvero-una-storia-lunga-o-solo-una-scopata-velo
a-volte-credo-che-la-sofferenza-sia-parte-del-mio-essere-e-che-tutto-il-resto-sia-del-tutto-estraneo-alla-mia-anima-cristel-anna-notarianni
non-posso-pie-ascoltare-in-silenzio-devo-parlarle-usando-i-mezzi-disposizione-che-ho-in-questo-momento-lei-strazia-la-mia-anima-provo-un-tempo-agonia-e-speranza-non-mi-dica-che-e
e-qui-bisogna-menzionare-anche-quanto-scritto-da-walter-rathenau-nelle-sue-briefe-eine-liebende-le-ho-detto-cie-che-penso-della-morte-volontaria-e-le-dire-cie-su-cui-non-mi-sono-
se-amava-quel-viso-non-indulgente-era-perche-era-netto-espressivo-e-risoluto-vedeva-o-gli-sembrava-di-vedere-come-tali-qualite-fossero-state-mascherate-o-soffocate-da-atteggiamen
La 'Crisi Esistenziale' di chi ama l'amore e ha il coraggio di amare. Nell'epoca dove tante cose sembrano andate perse, e dove molti valori sembrano pian piano scomparsi, si trova spazio e l'ispirazione di far nascere una nuova canzone, con la quale si vuole comunicare i tanti disagi che il mondo attuale si appresta a vivere, le tante problematiche che spesso attanagliano l'essere umano, sempre preso da se stesso, e molto spesso distratto da tutte le cose che il mondo e la vita offrono. E' cosi che nasce 'Crisi Esistenziale' il nuovo brano che de  il via al nuovo album di Savio De Martino, cantautore dalle mille risorse artistiche, un brano scritto dallo stesso Cantautore, sia per la parte letteraria, che per la parte musicale, un brano voluto, un testo ricercato, una canzone necessaria, una sorta di protesta, un modo di gridare e poter dire, BASTA !!! Questo stesso brano e¨ stato anche proposto alla candidatura per le nuove proposte di Sanremo Giovani 2015, proprio perche' i giovani possano valorizzare la propria vita e il futuro, trovando stimoli nuovi, trovando aiuto in chi ha potere, costruirsi un domani fatto di sogni da poter realizzare, Savio De Martino ancora una volta riesce a regalare nuove emozioni, il suo essere cosi poliedrico, rende questo artista, seppur giovane, capace di mettersi sempre in gioco e in discussione con vari generi musicali. Le sue tendenze variano dal Pop al Jazz, dal Blues alla buona Musica Leggera, in tanti anni di gavetta e di carriera e¨ sempre riuscito a dire la sua, regalando al pubblico che lo segue con affetto e stima, tante emozioni e soprattutto tanta energia positiva. Lui innamorato della vita, innamorato della musica, e speranzoso che le cose e il mondo puo' cambiare, una crisi cosi mondiale, dovrebbe far riflettere molte persone, e sensibilizzare chi ha il potere di essere a capo di tutto, ecco perche nasce questo nuovo brano per il 2015, dal titolo "Crisi Esistenziale". Genesi di Crisi Esistenziale di Savio De Martino Testo, Musica e Produzione sono di Savio De Martino attraverso la S.D.M. Production, la distribuzione avviene grazie alla Zeus Record S.R.L., gli arrangiamenti sono di Giuseppe Balsamo e Savio De Martino, le riprese video di 'Pino Baylon Video' e la registrazione e mixaggio sono stati effettuati presso lo studio SG SOUND MUSIC ITALY di Savio De Martino. Il video e¨ gie  disponibile su YouTube.

Savio De Martino
la-crisi-esistenziale-di-chi-ama-lamore-e-ha-il-coraggio-di-amare-nellepoca-dove-tante-cose-sembrano-andate-perse-e-dove-molti-valori-sembrano-pian-piano-scomparsi-si-trova-spazi
Bisognerebbe saper attendere, raccogliere, per una vita intera e possibilmente lunga, senso e dolcezza, e poi, proprio alla fine, si potrebbero forse scrivere dieci righe valide. Perche i versi non sono, come crede la gente, sentimenti (che si acquistano precocemente), sono esperienze. Per scrivere un verso bisogna vedere molte citte , uomini e cose, bisogna conoscere gli animali, bisogna capire il volo degli uccelli e comprendere il gesto con cui i piccoli fiori si aprono al mattino. Bisogna saper ripensare a itinerari in regioni sconosciute, a incontri inaspettati e congedi previsti da tempo, a giorni dell'infanzia ancora indecifrati, ai genitori che eravamo costretti a ferire quando portavano una gioia e non la comprendevamo (era una gioia per qualcun altro), a malattie infantili che cominciavano in modo cose¬ strano con tante profonde e grevi trasformazioni, a giorni in stanze silenziose e raccolte e a mattine sul mare, al mare sopratutto, a mari, a notti di viaggio che passavano con un alto fruscio e volavano assieme alle stelle - e ancora non e¨ sufficiente poter pensare a tutto questo. Bisogna avere ricordi di molte notti d'amore, nessuna uguale all'altra, di grida di partorienti e di lievi, bianche puerpere addormentate che si rimarginano. Ma bisogna anche essere stati accanto ad agonizzanti, bisogna essere rimasti vicino ai morti nella stanza con la finestra aperta e i rumori intermittenti. E non basta ancora avere ricordi. Bisogna saperli dimenticare, quando sono troppi, e avere la grande pazienza di attendere che ritornino. Perche i ricordi in se ancora non sono. Solo quando diventano sangue in noi, sguardo e gesto, anonimi e non pie¹ distinguibili da noi stessi, soltanto allora pue² accadere che in un momento eccezionale si levi dal loro centro e sgorghi la prima parola di un verso.

Rainer Maria Rilke
bisognerebbe-saper-attendere-raccogliere-per-una-vita-intera-e-possibilmente-lunga-senso-e-dolcezza-e-poi-proprio-alla-fine-si-potrebbero-forse-scrivere-dieci-righe-valide-perche
eppure-volte-per-capire-era-sufficiente-saper-ascoltare-si-ricorde-di-quella-volta-che-era-riuscito-descrivere-le-conseguenze-che-il-terremoto-dellirpinia-dell80-aveva-avuto-sull
Gie nella vetrina della libreria hai individuato la copertina col titolo che cercavi. Seguendo questa traccia visiva ti sei fatto largo nel negozio attraverso il fitto sbarramento di Libri Che Non Hai Letto che ti guardavao accigliati dai banchi e dagli scaffali cercando d'intimidirti. Ma tu sai che non devi lasciarti mettere in soggezione, che tra loro s'estendono per ettari ed ettari i Libri Che Puoi Fare A Meno Di Leggere, i Libri Fatti Per Altri Usi Che La Lettura, i Libri Gie Letti Senza Nemmeno Bisogno D'Aprirli In Quanto Appartenenti Alla Categoria Del Gie Letto Prima Ancora D'Essere Stato Scritto. E cose¬ superi la prima cinta dei baluardi e ti piomba addosso la fanteria dei Libri Che Se Tu Avessi Pie¹ Vite Da Vivere Certamente Anche Questi Li Leggeresti Volentieri Ma Purtroppo I Giorni Che Hai Da Vivere Sono Quelli Che Sono. Con rapida mossa li scavalchi e ti porti in mezzo alle falangi dei Libri Che Hai Intenzione Di Leggere Ma Prima Ne Dovresti Leggere Degli Altri, dei Libri Troppo Cari Che Potresti Aspettare A Comprarli Quando Saranno Rivenduti A Mete Prezzo, dei Libri Idem Come Sopra Quando Verranno Ristampati Nei Tascabili, dei Libri Che Potresti Domandare A Qualcuno Se Te Li Presta, dei Libri Che Tutti Hanno Letto Dunque E' Quasi Come Se Li Avessi Letti Anche Tu. Sventando questi attacchi, ti porti sotto le torri del fortilizio, dove fanno resistenza i Libri Che Da Tanto Tempo Hai In Programma Di Leggere, i Libri Che Da Anni Cercavi Senza Trovarli, i Libri Che Riguardano Qualcosa Di Cui Ti Occupi In Questo Momento, i Libri Che Vuoi Avere Per Tenerli A Portata Di Mano In Ogni Evenienza, i Libri Che Potresti Mettere Da Parte Per Leggerli Magari Quest'Estate, i Libri Che Ti Mancano Per Affiancarli Ad Altri Libri Nel Tuo Scaffale, i Libri Che Ti Ispirano Una Curiosite Improvvisa, Frenetica E Non Chiaramente Giustificabile. Ecco che ti e¨ stato possibile ridurre il numero illimitato di forze in campo a un insieme certo molto grande ma comunque calcolabile in un numero finito, anche se questo relativo sollievo ti viene insidiato dalle imboscate dei Libri Letti Tanto Tempo Fa Che Sarebbe Ora Di Rileggerli e dei Libri Che Hai Sempre Fatto Finta D'Averli Letti Mentre Sarebbe Ora Ti Decidessi A Leggerli Davvero.

Italo Calvino
gie-nella-vetrina-della-libreria-hai-individuato-la-copertina-col-titolo-che-cercavi-seguendo-questa-traccia-visiva-ti-sei-fatto-largo-nel-negozio-attraverso-il-fitto-sbarramento
I due agenti si divisero, Uno fece un cenno d'assenso a Due che ande² verso la porta dell'ufficio. Abbasse² la maniglia, la porta era chiusa a chiave. Scivole² lungo la parete attento a non fare rumore. Li avrebbero presi questa volta. Si trattava di giovani non schedati, ladri adolescenti, secondo l'informatore, e nessuno voleva che la cosa si trasformasse in un bagno di sangue. Le armi dovevano restare nella fondina, gli ordini erano chiari, niente sparatorie da far west e cadaveri che facessero 'strillare" la stampa sulla crudelte  delle forze dell'ordine. Ma andavano fermati. Piccoli bastardi (...) E fu mentre formulava questo pensiero che un rumore metallico gli fece alzare gli occhi, un'ombra uscita dal nulla balze² oltre la ringhiera, atterrando a quattro zampe sulla pila di cassoni, poi si raccolse come un gatto e salte² verso il montacarichi, si afferre² a una delle rotaie verticali, s'inarce² come un saltatore con l'asta, la testa in gie¹. Le gambe descrissero un'ellisse impossibile, le ginocchia si piegarono e con una spinta delle reni il ragazzo supere² la ringhiera del ballatoio, parve rimbalzare in su, sullo scaffale di ferro e scomparve nell'oscurite  del soffitto (... ..) I due agenti spinsero la porta a vetri e a balzi risalirono la scala di emergenza esterna, che finiva pere² a due metri dal tetto. Uno, pie¹ agile, si isse² sui pali di sostegno, mentre Due abbaiava alla radio. Quindi anche lui si inerpice² ansando e guadagne² la cima. Rimasero le  qualche istante, interdetti, scrutando nel buio. - Laggie¹! - Gride² Due. L'ombra correva sul tetto del magazzino, un essere magrissimo, un nulla in movimento che spare¬ dietro la sagoma dell'abbaino. Uno estrasse la pistola dalla fondina, fece fuoco in aria e subito la volante accese la sirena. I due agenti corsero, girarono attorno all'abbaino e non videro nessuno. Si voltarono, niente. Pareva evaporato. Giunti al limite del tetto si fermarono. L'edificio accanto, un deposito chiuso, era a vari metri di distanza. Sotto c'erano tre piani e il cortile asfaltato. Si guardarono intorno, era saltato di le ? Quei due depositi erano gli unici edifici vicini. Pie¹ in le , oltre un campo abbandonato che sembrava una palude c'era solo un enorme ammasso di rottami, la strada a quattro corsie e il mare. Il fuggitivo non aveva scampo, si trattava solo di evitare la tragedia. La figura riapparve correndo piegata sul tetto dello stabile di fronte, oltre il quale non c'era niente, il vuoto, la notte. Uno fece fuoco in aria un'altra volta, ma lui non parve accorgersene, giunse al parapetto, vi sale¬ sopra e rimase accovacciato come un animale. - Ma che diavolo fa? - Disse Due. Il ladro si alze² in piedi e per alcuni secondi rimase dritto, silhouette nera contro il cielo chiaro di nubi. Poi, senza guardarsi indietro, si lancie² nel vuoto. da B-Loved

P.D. Blacksmith
i-due-agenti-si-divisero-uno-fece-un-cenno-dassenso-due-che-ande-verso-la-porta-dellufficio-abbasse-la-maniglia-la-porta-era-chiusa-chiave-scivole-lungo-la-parete-attento-non-far
?Earn cash when you save a quote by clicking
EARNED Load...
LEVEL : Load...