Quel Quotes

Authors: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Categories: A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
un-luogo-non-e-mai-solo-quel-luogo-quel-luogo-siamo-un-po-anche-noi-in-qualche-modo-senza-saperlo-ce-lo-portavamo-dentro-e-un-giorno-per-caso-ci-siamo-arrivati-antonio-tabucchi
de-quoi-parlons-nous-et-de-quel-avenir-
quel-fuoco-che-stenta-ad-accendersi
quel-temperament-de-feu-cette-fillele-sheila-french-singer-quotsheila-black-devotionquot
ah-si-lon-o-tait-les-chime-res-aux-hommes-quel-plaisir-leur-resterait-oh-if-man-were-robbed-his-fantasies-what-pleasure-would-be-left-him-bernard-le-bovier-de-fontenelle
quello-che-dovremmo-capire-e-che-noi-siamo-tutta-la-storia-non-solo-quel-personaggio-alessandro-baricco
venerons-le-chien-le-chien-quel-drele-de-bete-sa-sueur-sur-sa-langue-et-son-sourire-dans-sa-queue-victor-hugo
sono-cose-intelligente-che-volte-non-capisco-una-sola-parola-di-quel-che-sto-dicendo-oscar-wilde
da-quel-momento-divenne-il-mio-angelo-custode-vestito-modo-suo-con-i-capelli-dritti-in-testa-matto-come-pochi-dolce-come-nessuno-mai-cristel-anna-notarianni
quello-che-non-ho-e-quel-che-non-mi-manca-fabrizio-de-andre
e-poi-e-successo-e-da-quel-momento-niente-e-stato-pie-lo-stesso-non-sarebbe-dovuto-accadere-non-con-lei-e-ora-sono-suo-irrimediabilmente-suo-antonella-senese
ci-eravamo-incontrati-perche-doveva-succedere-e-anche-se-non-fosse-stato-quel-giorno-prima-o-poi-ci-saremmo-sicuramente-incontrati-da-qualche-altra-parte-haruki-murakami
quel-champ-de-bataille-que-lhomme-nous-sommes-livres-e-ces-dieux-e-ces-monstres-e-ces-geants-nos-pensees-victor-hugo
i-gesti-suoi-i-baci-suoi-li-memoria-ormai-gli-occhi-chiusi-al-buio-io-la-riconoscerei-seguendo-quel-profumo-un-po-selvaggio-che-ha-lei-unaltra-volta-demis-roussos
e-poi-ci-sono-quelli-che-credono-che-le-vecchie-relazioni-possano-essere-rivissute-e-fatte-nuove-ma-perfavore-se-ti-senti-in-quel-modo-non-chiamare-non-scrivere-non-arrivare-char
non-innamorarti-mai-di-nessuno-le-disse-lei-in-quel-momento-mentre-prendeva-i-documenti-e-li-riponeva-nel-cassetto-in-cui-aveva-custodito-lanello-ci-guadagnerai-solo-un-cuore-in-
se-la-speranza-e-un-sentimento-che-pue-sconfiggere-la-paura-allora-in-quel-momento-che-ho-camminato-in-salita-attraverso-sul-letto-di-neve-le-mie-tracce-erano-di-gioia-determinaz
poi-sappiccar-come-di-calda-cera-fossero-stati-e-mischiar-lor-colore-ne-lun-ne-laltro-gie-parea-quel-chera-come-procede-innanzi-da-lardore-per-lo-papiro-suso-un-color-bruno-che-n
e-la-possibilite-non-la-garanzia-quella-che-mi-fa-andare-avanti-una-specie-di-scomessa-da-parte-mia-e-chiamatemi-pure-pazzo-o-sognatore-o-quel-che-vi-pare-io-credo-che-tutto-sia-
insomma-una-brutta-domenica-di-settembre-di-quel-settembre-traditore-che-vi-lascia-andare-un-colpo-di-mare-fra-capo-e-collo-come-una-schioppettata-fra-i-fichidindia-giovanni-verg
vero-o-falso-che-sia-quel-che-si-dice-degli-uomini-occupa-spesso-altrettanto-posto-nella-loro-vita-e-soprattutto-nel-loro-destino-quanto-quello-che-fanno-victor-hugo
perche-dopo-averla-rinviata-in-cose-tanti-modi-credo-che-la-mia-trasformazione-sare-pie-radicale-del-previsto-che-potrei-diventare-davvero-qualcosa-di-simile-alla-creatura-lament
non-e-lo-spettro-della-mia-vita-passata-si-disse-lei-e-quello-del-futuro-passato-e-il-fantasma-della-vita-che-ero-sul-punto-di-fare-finche-rimarre-qui-quel-futuro-non-dovre-morir
Ken fece un respiro di sollievo ricordandosi all'improvviso dei libri che aveva richiesto. Mai come in quel momento si era sentito tanto attratto dalla pace di una lettura solitaria. Jim apre¬ la porta e lui, rincuorato da quel pensiero, nel medesimo istante salte² fuori dal suo nascondiglio come un fauno dal bosco. La donna, che se lo vide apparire davanti all'improvviso, ancora tutto scompigliato e rosso in viso a causa dell'esercizio fisico, dovette spaventarsi, perche prima lancie² un urletto sorpreso - e molto aggraziato, per la verite  - poi i libri, che finirono in aria e quindi sul pavimento. Anche Ken sussulte² a quella reazione esagerata, lasciando al solo Jim l'onore di mantenere i nervi saldi. Col cuore che gli batteva troppo forte nel petto, fisse² la donna sbigottito. Chi diavolo aveva mandato quel Jenkins a consegnargli i libri? Una pazza? La giovane donna, mormorando delle scuse imbarazzate, si era nel frattempo inginocchiata a terra ed era impegnatissima a raccogliere i volumi caduti, la gonna blu aperta intorno a lei come una corolla. Ken non poteva vederle il viso, ma il collo sottile di lei e i suoi capelli neri come la notte, per quanto raccolti in uno severo chignon, lo indussero a domandarsi se il volto fosse altrettanto perfetto. E, senza esitare, fece qualcosa che il vecchio Ken non avrebbe mai osato fare: si chine², afferre² la donna per le braccia, la solleve² e, senza delicatezza e con molta curiosite , scrute² negli occhi di lei. Occhi cose¬ blu che mai prima in vita sua ne aveva visto di uguali.

Viviana Giorgi
ken-fece-un-respiro-di-sollievo-ricordandosi-allimprovviso-dei-libri-che-aveva-richiesto-mai-come-in-quel-momento-si-era-sentito-tanto-attratto-dalla-pace-di-una-lettura-solitari
se-amava-quel-viso-non-indulgente-era-perche-era-netto-espressivo-e-risoluto-vedeva-o-gli-sembrava-di-vedere-come-tali-qualite-fossero-state-mascherate-o-soffocate-da-atteggiamen
eppure-volte-per-capire-era-sufficiente-saper-ascoltare-si-ricorde-di-quella-volta-che-era-riuscito-descrivere-le-conseguenze-che-il-terremoto-dellirpinia-dell80-aveva-avuto-sull
Faut-il regretter le temps des guerres "e sens" ? souhaiter que les guerres d'aujourd'hui "retrouvent" leur sens perdu ? le monde irait-il mieux, moins bien, indifferemment, si les guerres avaient, comme jadis, ce sens qui les justifiait ? Une part de moi, celle qui a la nostalgie des guerres de resistance et des guerres antifascistes, a tendance e dire : oui, bien se»r ; rien n'est plus navrant que la guerre aveugle et insensee ; la civilisation c'est quand les hommes, tant qu'e faire, savent e peu pre¨s pourquoi ils se combattent ; d'autant que, dans une guerre qui a du sens, quand les gens savent e peu pre¨s quel est leur but de guerre et quel est celui de leur adversaire, le temps de la raison, de la negociation, de la transaction finit toujours par succeder e celui de la violence ; et d'autant (autre argument) que les guerres sensees sont aussi celles qui, par principe, sont les plus accessibles e la mediation, e l'intervention - ce sont les seules sur lesquelles des tiers, des arbitres, des observateurs engages, peuvent esperer avoir quelque prise... Une autre part hesite. L'autre part de moi, celle qui soupe§onne les guerres e sens d'eªtre les plus sanglantes, celle qui tient la "machine e sens" pour une machine de servitude et le fait de donner un sens e ce qui n'en a pas, c'est-e -dire e la souffrance des hommes, pour un des tours les plus sournois par quoi le Diabolique nous tient, celle qui sait, en un mot, qu'on n'envoie jamais mieux les pauvres gens au casse-pipe qu'en leur racontant qu'ils participent d'une grande aventure ou travaillent e se sauver, cette part-le , donc, repond : "non ; le pire c'etait le sens"; le pire c'est, comme disait Blanchot, "que le desastre prenne sens au lieu de prendre corps" ; le pire, le plus terrible, c'est d'habiller de sens le pur insense de la guerre ; pas question de regretter, non, le "temps maudit du sens". (ch. 10 De l'insense, encore)

Bernard-Henri Levy
fautil-regretter-le-temps-des-guerres-e-sens-souhaiter-que-les-guerres-daujourdhui-retrouvent-leur-sens-perdu-le-monde-iraitil-mieux-moins-bien-indifferemment-si-les-guerres-avai
il-pastore-augure-buon-natale-il-coro-riprese-cantare-e-lorgano-suonare-fu-in-quel-momento-che-maggie-sente-che-lui-era-vicino-si-gire-appena-e-lo-vide-se-ne-stava-in-piedi-nel-c
In her fantastic mood she stretched her soft, clasped hands upward toward the moon. 'Sweet moon, ' she said in a kind of mock prayer, 'make your white light come down in music into my dancing-room here, and I will dance most deliciously for you to see". She flung her head backward and let her hands fall; her eyes were half closed, and her mouth was a kissing mouth. 'Ah! sweet moon, ' she whispered, 'do this for me, and I will be your slave; I will be what you will.' Quite suddenly the air was filled with the sound of a grand invisible orchestra. Viola did not stop to wonder. To the music of a slow saraband she swayed and postured. In the music there was the regular beat of small drums and a perpetual drone. The air seemed to be filled with the perfume of some bitter spice. Viola could fancy almost that she saw a smoldering campfire and heard far off the roar of some desolate wild beast. She let her long hair fall, raising the heavy strands of it in either hand as she moved slowly to the laden music. Slowly her body swayed with drowsy grace, slowly her satin shoes slid over the silver sand. The music ceased with a clash of cymbals. Viola rubbed her eyes. She fastened her hair up carefully again. Suddenly she looked up, almost imperiously. "Music! more music!" she cried. Once more the music came. This time it was a dance of caprice, pelting along over the violin-strings, leaping, laughing, wanton. Again an illusion seemed to cross her eyes. An old king was watching her, a king with the sordid history of the exhaustion of pleasure written on his flaccid face. A hook-nosed courtier by his side settled the ruffles at his wrists and mumbled, 'Ravissant! Quel malheur que la vieillesse!' It was a strange illusion. Faster and faster she sped to the music, stepping, spinning, pirouetting; the dance was light as thistle-down, fierce as fire, smooth as a rapid stream. The moment that the music ceased Viola became horribly afraid. She turned and fled away from the moonlit space, through the trees, down the dark alleys of the maze, not heeding in the least which turn she took, and yet she found herself soon at the outside iron gate. ("The Moon Slave")

Barry Pain
in-her-fantastic-mood-she-stretched-her-soft-clasped-hands-upward-toward-moon-sweet-moon-she-said-in-kind-mock-prayer-make-your-white-light-come-down-in-music-into-my-dancingroom
Pochi uccelli Stephen preferiva ai succiacapre, ma non era stato il loro canto a farlo scendere dal letto. Rimase fermo, appoggiato alla ringhiera, e poco dopo Jack Aubrey, in un padiglione presso il campo di bocce, ricomincie² a suonare con grande dolcezza nel buio, improvvisando solo per se, fantasticando sul suo violino con una maestria che Stephen non aveva mai conosciuto in lui, sebbene avessero suonato insieme per tanti anni.[... ] In effetti suonava meglio di Stephen, e ora che stava usando il suo prezioso Guarnieri invece del robusto strumento adatto al mare, la differenza era ancora pie¹ marcata: ma il Guarnieri non bastava a spiegarla del tutto, assolutamente no. Quando suonavano insieme, Jack nascondeva la propria eccellenza, mantenendosi al mediocre livello di Stephen [... ]; mentre rifletteva su questo, Maturin si rese conto a un tratto che era sempre stato cose¬: Jack, indipendentemente dalle condizioni di Stephen, detestava mettersi in mostra. Ma in quel momento, in quella notte tiepida, ora che non vi era nessuno da sostenere moralmente, cui dare il proprio appoggio, nessuno che potesse criticare il suo virtuosismo, Jack poteva lasciarsi andare completamente; e mentre la musica grave e delicata continuava a diffondersi, Stephen si stupe¬ una volta di pie¹ dell'apparente contraddizione tra il grande e grosso ufficiale di marina, florido e allegro [... ] e la musica pensosa, complessa che quello stesso uomo stava ora creando. Una musica che contrastava immensamente con il suo limitato vocabolario, un vocabolario che lo rendeva talvolta quasi incapace di esprimersi.

Patrick O'Brian
pochi-uccelli-stephen-preferiva-ai-succiacapre-ma-non-era-stato-il-loro-canto-farlo-scendere-dal-letto-rimase-fermo-appoggiato-alla-ringhiera-e-poco-dopo-jack-aubrey-in-un-padigl
Fino allora egli era avanzato per la spensierata ete  della prima giovinezza, una strada che da bambini sembra infinita, dove gli anni scorrono lenti e con passo lieve, cose¬ che nessuno nota la loro partenza. Si cammina placidamente, guardandosi con curiosite  attorno, non c'e¨ proprio bisogno di affrettarsi, nessuno preme dietro e nessuno ci aspetta, anche i compagni procedono senza pensieri, fermandosi spesso a scherzare. Dalle case, sulle porte, la gente grande saluta benigna, e fa cenno indicando l'orizzonte con sorrisi di intesa; cose¬ il cuore comincia a battere per eroici e teneri desideri, si assapora la vigilia delle cose meravigliose che si attendono pie¹ avanti; ancora non si vedono, no, ma e¨ certo, assolutamente certo che un giorno ci arriveremo. Ancora molto? No, basta attraversare quel fiume laggie¹ in fondo, oltrepassare quelle verdi colline. O non si e¨ per caso gie  arrivati? Non sono forse questi alberi, questi prati, questa bianca casa quello che cercavamo? Per qualche istante si ha l'impressione di se¬ e ci si vorrebbe fermare. Poi si sente dire che il meglio e¨ pie¹ avanti e si riprende senza affanno la strada. Cose¬ continua il cammino in un'attesa fiduciosa e le giornate sono lunghe e tranquille, il sole risplende alto nel cielo e sembra non abbia mai voglia di calare al tramonto. Ma a un certo punto, quasi istintivamente, ci si volta indietro e si vede che un cancello e¨ stato sprangato alle spalle nostre, chiudendo la via del ritorno. Allora si sente che qualcosa e¨ cambiato, il sole non sembra pie¹ immobile ma si sposta rapidamente, ahime¨, non si fa in tempo a fissarlo che gie  precipita verso il confine dell'orizzonte, ci si accorge che le nubi non ristagnano pie¹ nei golfi azzurri del cielo ma fuggono accavallandosi l'una all'altra, tanto e¨ il loro affanno; si capisce che il tempo passa e che la strada un giorno dovre  pur finire. Chiudono a un certo punto alla nostre spalle un pesante cancello, lo rinserrano con velocite  fulminea e non si fa in tempo a tornare.

Dino Buzzati
fino-allora-egli-era-avanzato-per-la-spensierata-ete-della-prima-giovinezza-una-strada-che-da-bambini-sembra-infinita-dove-gli-anni-scorrono-lenti-e-con-passo-lieve-cose-che-ness
Longevi, ci chiamavamo tra noi. Eravamo una sorta di Dorian Gray ambulanti senza un ritratto marcescente in soffitta e, durante i secoli, avevamo collezionato i pie¹ stravaganti epiteti: streghe, vampiri, angeli, demoni, doppelge¤nger. Non avremmo mai conosciuto le gioie della maternite  o della paternite , poiche i nostri figli morivano - senza eccezioni - appena venuti alla luce. Avremmo potuto tentare all'infinito, accontentarci di sentire per nove mesi i loro calci ovattati attraverso la pelle del ventre, per poi dover accettare di vederli spegnersi appena fatto capolino nel mondo. Avevo seppellito tre figli, tutti nati morti alle prime avvisaglie di autunni distanti vite intere l'uno dell'altro. Alcune sere percepivo ancora la sensazione asfissiante della terra bagnata sotto le unghie. Temere che la propria creatura, di cui non hai mai udito il pianto, possa sentire freddo sotto la terra e¨ il primo segnale di una follia disperata. Scavare tra le lacrime per riabbracciare quel corpo inerme e bianco, che non e¨ mai stato vivo se non nel buio del tuo grembo, e poi desistere in un barlume di lucidite  e¨ un'esperienza straziante. Si rimane con un pugno di fango in mano, la gola stretta dall'angoscia e il cuore vuoto. Ho sentito tre figli crescere e perire dentro di me. E se fossi cose¬ folle da riprovarci, un quarto, un quinto e un sesto mi farebbero singhiozzare dalla gioia e poco dopo dal tormento. Cose¬ sare  per sempre. eˆ una delle mie tante condanne. Malachia, Robert e io non potevamo dirci amici. Tuttavia lo eravamo, quasi inevitabilmente, per una serie di eventi e per la maledizione che ci univa. Nella mia lunga carriera ne avevo profanati di sarcofagi, templi e necropoli. Cose¬ innumerevoli, che ormai avevo perso il conto. Eppure, con tutti gli anatemi che mi ero tirata addosso, nessuno di questi era ancora riuscito a farmi apprezzare quello sotto il quale ero nata.

Giorgia Penzo
longevi-ci-chiamavamo-tra-noi-eravamo-una-sorta-di-dorian-gray-ambulanti-senza-un-ritratto-marcescente-in-soffitta-e-durante-i-secoli-avevamo-collezionato-i-pie-stravaganti-epite
?Earn cash when you save a quote by clicking
EARNED Load...
LEVEL : Load...